Dal gelato medievale a quello da passeggio, passando per il sorbetto arabo.

Qual'è l'alimento preferito da grandi e bambini, consumatissimo nel periodo estivo?


Ovvio, il gelato!




Oggi si producono gelati a qualunque gusto: dalla classica fragola, al bonarda, sino a quello al basilico. Ma quando nasce questa bontà?

Sicuramente non si può parlare di "gelato" come noi lo intendiamo oggi, ma già nell'antichità si congelavano frutta, latte e miele per crearne un impasto nutriente.
Gli arabi erano però i veri maestri del sorbetto! Può sembrare assurdo, ma nei caldi paesi islamici, si raffreddavano i sorbetti con un processo endotermico, ovvero immergendoli in contenitori di ghiaccio e sale. Questa popolazione, tra l'altro, esportò il suo "prodotto" in Sicilia.

Il gelato "moderno", ovvero come lo conosciamo e consumiamo noi oggi, venne inventato da un siciliano, Francesco Procopio dei Coltelli, che perfezionò un macchinario creato dal nonno. Ebbe l'intuizione di sostituire il miele con lo zucchero, ma la sua macchia, pensate, funzionava esattamente come funzionano tutt'occhi le gelatiere in commercio nei nostri supermercati!