La nostra STORIA: la mungitura


Mungere significa stimolare le ghiandole mammarie della mucca (o di femmine di altri mammiferi) così da prolungare la produzione di latte negli animali anche dopo lo svezzamento del piccolo. 


Questa è una definizione che può sembrare banale, ma che non va data per scontato. La mucca, non è una "fontana" di latte sempre a disposizione! Solitamente, una vacca in buona salute, aveva un piccolo all'anno, contando qualche mese di riposo dalla gestazione che è di 9 mesi, proprio come per gli umani. Per 15/20 giorni dopo il parto era il vitellino a prendere tutto il latte della madre, poi si iniziava con il delicato lavoro della mungitura, completamente manuale fino agli anni '60. 
Come funzionava?  Pulita  per  bene l’area sotto la mucca lattifera, il mungitore, dotato di sgabello ad un solo piede, iniziava, con un movimento delle dita difficile da spiegare, a fare pressione sul capezzolo della mucca, fino a farne uscire l'"oro bianco".